NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Alcuni di questi cookies sono necessari per il corretto funzionamento del sito, se non volete riceverne potete modificare le impostazioni del vostro browser, cliccando sul link "Leggi di più"  trovate l'informativa., chiudendo questo disclaimer o proseguendo nella navigazione ne accettate l'uso.

Avis comunale di Terracina - Spartaco Mari

Sms bufala: accertatevi sempre della verità!

Dal sito internet http://www.avis.it/notizie/24/111277/sms-bufala-accertatevi-sempre-della-verita-

Ci siamo già occupati diverse volte sia sul sito nazionale sia sui social network degli sms bufala con richiesta di sangue, invitando sempre i nostri donatori a contattare le sedi Avis e i centri trasfusionali per verificare le reali necessità.

Abbiamo voluto però capire qualcosa di più su come nascono, crescono e si alimentano le catene di Sant’Antonio per chiedere sangue. Elisa Montagnoli è una di queste persone, con il suo numero di telefono associato a una serie infinita di post su facebook e messaggi su whatsapp. La sua storia ci aiuta a capire come un appello lanciato in assoluta buona fede possa poi rovinare la vita di chi l’ha inviato.
Come è nato quel messaggio?
Innanzitutto vorrei ringraziarvi per avermi contattato. Dopo anni qualcuno cerca di aiutarmi. A gennaio di tre anni fa una collega mi chiese un favore: cercare donatori di sangue per la bimba di sua cugina di Terni, che purtroppo era affetta da un tumore alla mandibola. Sono sempre stata una persona che ha aiutato il prossimo per quanto era nelle sue possibilità. Non potendo donare io il sangue per miei seri problemi di salute , ho mandato il messaggio a tutti i miei contatti.

E cosa è accaduto da quando l’hai spedito?
Da lì è successo l'inverosimile. Non ho avuto più vita. Sono stata dalla polizia postale, che all'epoca fece un articolo sul giornale e mi consigliò di cambiare numero. La notizia meravigliosa che uscì sempre sui giornali locali era che la bimba era salva grazie ad una persona che nello stesso tempo non aveva più vita! Adesso ogni tanto mettono in giro questo messaggio modificandolo. Neanche la polizia postale è riuscita a bloccare questa catena.

In cuor tuo riscriveresti ancora quel messaggio? E che consigli daresti alle persone che lo ricevono?Sicuramente lo rifarei a fin di bene, ma col senno di poi non darei il mio numero privato. Per quanto riguarda le persone che ricevono questo tipo messaggio, credo che sia il caso che si accertino della veridicità della notizia, visto che ogni volta il messaggio viene modificato con località diverse . Ho ricevuto molti messaggi su Facebook per sapere se ancora fosse vero il messaggio della donazione di sangue, visto che ero sempre io la referente.